DISCIPLINARE FILIGRANA DI CAMPO LIGURE


Art. 6 - Elementi che comprovano la tracciabilità del prodotto
Gli elementi che comprovano la tracciabilità del prodotto sono costituiti dall´iscrizione degli artigiani in apposito elenco tenuto ed aggiornato dall´Organismo di controllo di cui all´Art. 7.

Art. 7 - Controlli
Il controllo sulla conformità del prodotto al disciplinare è svolto da un organismo pubblico o da un organismo privato conforme alla norma UNI EN 45011.

APENDICE TECNICA

METODOLOGIE INNOVATIVE
Integrazioni all´art. 4.2.1 - La nuova lega per la Filigrana di Campo Ligure

Progetto TECFIL: "Miglioramento del processo di produzione dei materiali impiegati nella realizzazione delle filigrane del comparto di Campo Ligure"

TECFIL, progetto finanziato dal Parco Scientifico e Tecnologico della Liguria nell´ambito del "DOCUP Obiettivo 2" (2000 - 2006) Misura 3.7 e realizzato da CNR - IENI (Istituto per l´Energetica e le Interfasi Sez. di Genova), Università di Genova (Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale), Studio Professionale Cassinari, e con il supporto delle conoscenze tecniche dei filigranisti di Campo Ligure, ha portato alla creazione di una nuova lega, ad altissimo titolo d´argento, che è in grado di risolvere il problema del "tarnishing", ossia il fenomeno di opacizzazione ed ingiallimento - annerimento, nel tempo, dell´argento. I procedimenti di realizzazione non sono diversi da quelli attualmente impiegati dagli artigiani filigranisti ed il titolo medio in argento dei prodotti è anche superiore a quello degli oggetti tradizionali. I risultati progettuali sono protetti da brevetto di proprietà del Parco Scientifico e Tecnologico della Liguria (www.pstliguria.it ).

SMALTATURA
Integrazioni all´art. 4.2.17 Fasi di rifinitura opzionali - p.to b. Smaltatura

La smaltatura vitrea è quella tradizionale, molto costosa e molto complicata nella realizzazione, tanto che la figura della smaltatore è una specifica professione, conferisce agli oggetti un aspetto tutto particolare ed è di origine antichissima. La procedura di "smaltatura a caldo" richiede una specifica trattazione tecnica ma riassunta possiamo definire "smaltatura" in senso lato, quella particolare tecnica che accoppia paste vitree a superfici metalliche, impiegate come supporto, attraverso un processo di fusione al forno.
Tramite l´utilizzo di diverse polveri di silice opportunamente miscelate a pigmenti differenti, si deposita questa polvere colorata e bagnata sull´oggetto, con il gusto e la maestria dell´operatore, con l´ausilio di pennellini o bacchettini finissimi di legno. Si posiziona subito dopo l´oggetto trattato nel forno per consentire alle polveri di sciogliersi e quindi di vetrificare e di attaccarsi all´oggetto stesso. In genere le polveri vetrificano a 900°C di cottura, ma la presenza di materie coloranti varia il grado di fusione e quindi l´operatore nell´utilizzo dei diversi colori dovrà procedere dapprima con l´applicazione degli smalti a grado di fusione più alto per arrivare a quelli con grado di fusione più basso.

La smaltatura con l´utilizzo di resine sintetiche, è sicuramente meno costosa e molto più rapida da eseguirsi, e quindi meno pregiata. Si lavora a temperatura ambiente, o poco più, e intorno agli 80°C per accelerare l´asciugamento del cosiddetto "Smalto". Questa tecnica sfrutta le conoscenze acquisite nel campo della chimica delle macromolecole per fabbricare materie plastiche. Queste si dividono in termoplastiche e termoindurenti.
Le termoplastiche rammolliscono e poi fondono se riscaldate e queste sono quelle più comunemente usate nel campo della bigiotteria. Le termoindurenti sono adoperate, con il nome di smalti, inoltre si utilizzano le vernici epossidiche e le siliconiche. Ed hanno l´inconveniente che una volte cotte (100/200°C) non possono essere ritoccate né asportate. L´utilizzo di questi materiali viene detto "smalti a freddo".

pag. 1 | pag. 2 | pag. 3 | pag. 4 | pag. 5

 

ADW homepage
Informativa cookie
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni